WeDraw

WeDraw

WeDraw

Sfruttare la migliore modalità sensoriale per apprendere concetti aritmetici e geometrici basati su tecnologie interattive multisensoriali di informazione e comunicazione e giochi seri

logo wedraw 200pxCoordinatore Monica Gori

Co-Coordinatore Gualtiero Volpe

Il progetto weDRAW deriva dalla rinnovata conoscenza neuroscientifica del ruolo della comunicazione tra le modalità sensoriali durante lo sviluppo: i sistemi sensori specifici hanno ruoli specifici per imparare concetti specifici. A partire da questi risultati, nel weDRAW svilupperemo una tecnologia multisensoriale e tre giochi seri che sfrutteranno la migliore modalità per apprendere concetti aritmetici e geometrici.

In particolare weDRAW

  • fornirà agli insegnanti gli elementi per determinare quale sia la migliore modalità (visiva, audio o aptica) per insegnare a ciascun concetto specifico agli studenti
  • fornirà la tecnologia per sfruttare il migliore segnale sensoriale
  • permetterà di insegnare insieme diversi concetti. Ciò sarà possibile utilizzando un approccio multisensoriale che apre un nuovo canale di insegnamento / apprendimento, personalizzato per ogni studente, basato su una tecnologia multisensoriale interattiva (ad esempio, audio, tattile, motore e visuale), compresa una piattaforma di gioco serio.
  • mostrerà che è possibile imparare concetti aritmetici dall’esplorazione del ritmo multisensoriale e dalla musica e dai concetti geometrici dal movimento del corpo e dal disegno multisensoriale.
  • permetterà un “approfondimento della scienza e della matematica combinato con le arti” per migliorare le capacità creative degli studenti.

Oltre all’applicazione a tutti i bambini, un importante obiettivo e risultato di questo progetto consiste nell’applicare l’approccio e le tecnologie multisensoriali proposte a due popolazioni specifiche: i bambini con disabilità visive e dislessiche.

In particolare, i bambini dislessici hanno problemi con il ritmo, mentre i bambini con problemi visivi hanno problemi con lo spazio e la geometria.

Con WeDRAW ci aspettiamo di migliorare le disfunzioni spaziali e temporali di questi due gruppi di bambini che creano barriere sociali.

https://www.wedraw.eu/project

http://cordis.europa.eu/project/rcn/206189_en.html

Un, due, tre... Matematicamente!

In programma al Festival della Scienza

dal 26 ottobre al 5 novembre 2017

Palazzo Ducale, Munizioniere
Piazza Matteotti, 9 Genova

Laboratorio
Matematica, Logica e Informatica

Da 6 a 15 anni

Un, due, tre… Matematicamente!

Aritmetica e geometria a suon di musica e danza

Hai mai pensato di toccare le frazioni o di ascoltare gli angoli?! Sei pronto a testare la tua capacità di percepire l’aritmetica e la geometria ad occhi chiusi? Hai voglia di sfidare i tuoi compagni? Tocca la frazione! Chiudi gli occhi, immagina di vederla, poi riproducila con il tuo corpo e trasformarla in una melodia: solo così potrai affrontare i tuoi avversari. Ma non è tutto. Ascolta gli angoli: che suono fa un angolo ottuso? E uno acuto? Disegniamoli insieme nello spazio per capire quanto sono grandi e poi proviamo a sentirli per imparare a riconoscerli. Ecco la nostra sfida: un gioco a squadre attraverso il quale apprendere la matematica utilizzando il proprio corpo. E ora, tocca a voi vincere!

A cura di

Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) – Unit for Visually Impaired People, Casa Paganini – InfoMus, De Agostini Scuola

In collaborazione con

University College London, Trinity College Dublin

http://www.festivalscienza.it/site/home/programma/un-due-tre…-matematicamente.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *